intestazione

scritta_faremondi

Rassegna cinematografica

3° parte

Ottobre - Dicembre 2011

 Print Friendly and PDFVersione per la stampa

L'impazienza di Dio nel pubblicare il mondo non finisce di sbalordirmi. Cose così si tengono nel cassetto per sempre (Gesualdo Bufalino, Il malpesante)

Ll'ironico pessimismo del grande scrittore siciliano ci accompagna per  l'ultimo tratto del percorso Fare mondi: da Parigi a Roma, dalla Normandia al Salento, da New York al Nord della Francia, dal Texas a Firenze, dalla Bosnia a Los Angeles.




Fate clic sul logo thumb_cinema per vedere i trailer dei film!


Proiezioni ore 16 e ore 21

01ledonnedel6pianoLe donne del 6° piano

Francia 2011  - 106' - di Philippe Le Guay - con Fabrice Luchini, Sandrine Kiberlain, Natalia Verbeke, Carmen Maura

Giovedì 6 ottobre 2011
thumb_cinema

Parigi, 1960. Jean-Louis (Fabrice Lucchini) e la moglie Suzanne (Sandrine Kiberlain) sono una coppia borghese, agiata e un po' annoiata. Al 6° piano del loro stabile - dove si trovano gli abbaini - si sono stabilite sei donne spagnole, giunte a Parigi come domestiche. Jean Louis inizia per caso a frequentare il 6° piano, dove la vita è più povera, rumorosa, ma anche più intensa. In particolare è attratto da Concepcion...
Le donne del 6° piano 'indaga'  la ricerca della vitalità che si nasconde dietro le apparenze borghesi e brucia gradualmente i freddi colori neutri degli interni in un finale en plein air denso di desiderio.  Philippe Le Guay allestisce  una 'ronde' di destini incrociati.





Habemus Papam02habemuspapam

Italia, Francia 2011 - 104' -  di Nanni Moretti - con Michel Piccoli, Jerzy Stuhr, Renato Scarpa, Francesco Graziosi

Giovedì 13 ottobre 2011

thumb_cinema

 

 

Nanni Moretti racconta, da psicanalista laico, la crisi di un papa appena eletto (il bravissimo Michel Piccoli) e l'angoscia contagiosa di essere inadeguato al compito. Un film dalle nuance morali intorno ai dilemmi umani. Moretti ha già diretto un religioso in crisi (se stesso) in La messa è finita. E ha interpretato uno psicologo in La stanza del figlio. "Incontro scontro con il mondo, disperato e brillante, dove l'arte, il teatro, magari Cechov più di tutti può dare ragione di vita" (Maurizio Porro, Il Corriere della Sera). La canzone di Mercedes Sosa Todo cambia accompagna la sequenza più intensa del film, in cui il papa si perde per le strade e tra la gente di Roma.


 

03angeleettony_frAngèle e Tony

Francia 2010  - 85' - di Alix Delaporte - con Clotilde Hesme, Gregory Gadebois, Evelyne Didi, Jerome Huguet

Giovedì 20 ottobre 2011

thumb_cinema

Normandia. Da poco uscita dal carcere, Angèle, per riavere l'affidamento del figlio, lasciato in custodia ai nonni, cerca un lavoro e un uomo da sposare. Mette un annuncio sul giornale al quale risponde Tony, un marinaio, ma durante il primo incontro i due non riescono a entrare in sintonia. Angèle si fa ospitare a casa sua e comincia a lavorare anche lei al porto. Lentamente le due anime solitarie trovano la maniera per comprendersi... La regista Alix Delaporte ci induce ad ascoltare e osservare. Conversazioni essenziali e minimi movimenti di mdp evocano Eric Rohmer e il suo cinema  fatto di coincidenze e di destini incrociati. Bellissime le corse in bicicletta della bella e enigmatica Clotilde Hesme.

 




04ilprimoincaricoIl primo incarico

Italia 2011 - 90' - di Giorgia Cecere - con Isabella Ragonese, Francesco Chiarello, Alberto Boll, Miriana Protopapa

Giovedì 27 ottobre 2011

thumb_cinema

 

Puglia, 1953. Nena (la bravissima Isabella Ragonese) è una giovane maestra, innamorata di un ragazzo dell'alta borghesia. Quando arriva la lettera di assunzione in una piccola scuola nel sud salentino, fa le valigie e parte a malincuore, curiosa della sua nuova esperienza ma triste per la lontananza dal suo amore. Dopo le prime difficoltà di integrazione nella piccola comunità, riesce a trovare un equilibrio che verrà nuovamente scosso dalla notizia dell'innamoramento del fidanzato per un'altra donna.
Giorgia Cecere sceglie un punto di vista femminile e scruta l'evoluzione di un'anima. Il tocco minimalista e il lavoro di sottrazione sulla sceneggiatura e sulla recitazione degli attori illuminano i sentimenti.

.

 

05guardianideldestinoI guardiani del destino

Usa 2010 - 106' - di George Nolfi - con Matt Damon, Emily Blunt, Anthony Mackie, John Slattery

Giovedì 3 novembre 2011

thumb_cinema

David Norris (Matt Damon) è un astro nascente della politica ma una foto compromettente lo ferma nella corsa al Senato. In un albergo conosce la ballerina Elise (Emily Blunt) e si innamora. Al diavolo la politica. Ne esce un 'discorso dello sconfitto', che lo ri-candida al prossimo turno. Ma non se continua a insistere nella ricerca della donna.... Intorno a lui un disegno metafisico: chi sono i custodi del libro del destino? Chi 'indirizza' il  libero arbitrio degli umani? La risposta è in un labirinto di intricati uffici/corridoi e di porte che collegano punti sempre diversi. In una metallica e piovosa New York, si ambienta, evocando Hitchcock e Polanski,  una discreta trasposizione del racconto di Philip K. Dick (l'autore cult di Blade Runner).

 

 



06ilragazzoconlabicicletta
Il ragazzo con la bicicletta

Belgio, Francia, Italia 2011 - 87' - di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne - con Cécile de France, Thomas Doret, Jérémie Renier, Fabrizio Rongione

Giovedì 10 novembre 2011

thumb_cinema

 

 

I fratelli Dardenne 'pedinano' l'adolescente Cyril, che, ostinato e armato di bicicletta, cerca il padre che l'ha lasciato in un istituto, cambiando casa e numero di cellulare. Nella difficile messa a fuoco della propria identità l'aiuta la parrucchiera Samantha, che lo prende in affido. Il racconto ha contorni realistici ma anche evocazioni fiabesche (un bambino sperduto, la fatina, il bosco,...). "La bicicletta, per due registi che si sentono eredi anche del Neorealismo, evoca il più famoso film italiano con il quale Vittorio De Sica diede forma al mistero più toccante, quello per cui un adulto e un bambino - come scoprirà Samantha - sentono misteriosamente di non poter fare l'uno a meno dell'altro". (Mario Sesti, Film Tv)



07thetreeoflifeThe Tree of Life
India, Gran Bretagna 2011  - 139' - di Terrence Malick - con Brad Pitt, Sean penn, Jessica Chastain, Fiona Shaw
Giovedì 17 novembre 2011

thumb_cinema

Due film si intrecciano: la storia di una famiglia USA anni '50 e una serie di visioni metafisiche e spirituali."Malick fa dialogare lo spirito con la Gloria dell'intero universo, rilegge Giobbe e cerca la mano di Dio. (...) The Tree of Life è semplicemente e intensamente un atto di fede, una rivelazione mistica, un Credo (...). La bellezza passa dal cinema: il regista, coadiuvato da Lubezski, Trumbull e Dan Glass, si avvale di ogni possibilità tecnologica e ricrea con la luce la scaturigine del mondo." (Andrea Fornasiero, Film Tv) "L'odissea di questo capolavoro a metà vola oltre i cancelli di ogni cielo e trova cascate, onde, girasoli, invocazioni, lava, meteore, dinosauri, una ferrea fede in un dio assente". (Alessio Guzzano, City)

 

08cechidicenoC'è chi dice no
Italia 2010  - 95'- di Giambattista Avellino - con Luca Argentero, Paola Cortellesi, Paolo Ruffini, Myriam Catania
Giovedì 24 novembre 2011

thumb_cinema

A Firenze, il bravo giornalista Luca Argentero scrive solo su pubblicazioni di quartiere. La brava dottoressa Paola Cortellesi vive legata a una borsa di studio. Il bravissimo docente universitario Paolo Ruffini accumula lauree e specializzazioni, rimanendo precario. Intanto i raccomandati avanzano. I tre decidono così di prenderli di mira. Attaccano l'uno il nemico dell'altro, come in Delitto per delitto di Alfred Hitchcock. Giambattista Avellino, regista di Ficarra e Picone, inventa una commedia scanzonata ma amara in cui "l'iperbole è parente stretta di quella satira graffiante e mordace che la signora Cortellesi ben conosce. Si ride a denti stretti" (Cristina Borsatti, Film Tv). Divertente il cameo di Giorgio Albertazzi.




09cirkuscolumbiaCirkus Columbia

Bosnia Erzegovina, Francia, Gran Bretagna, Germania, Slovenia, Belgio 2010  - 113' - di Danis Tanovic - con Miki Manojlovic, Mira Furlan, Boris ler, Jelena Stupljanin
Giovedì 1 dicembre 2011

thumb_cinema

Yugoslavia, 1991. Divko Buntic torna nel paese d'origine dopo aver trascorso molti anni in Germania, seguito da una compagna e un gatto nero di nome Bonny. Con l'appoggio del sindaco, sfratta la ex moglie e il figlio Martin e occupa la casa... Ma la guerra serbo-bosniaca-croata è alle porte. Danis Tanovic,  dopo No Man's Land, torna a parlare dei conflitti in terra balcanica, partendo dal libro di Ivica Djikic. "La caratteristica predominante del film è la commistione di generi che diventa la metafora delle contraddizioni tipiche della guerra. (...) Non c'è nostalgia né rancore ma solo un grande racconto fatto di piccole persone che, messe alle strette dalla Storia, reagiscono con dignità". (Nicoletta Dose, Mymovies)



10lostravagantemondodigreenbergLo stravagante mondo di Greenberg

Usa 2010  - 106' - di Noah Baumbach -  con Ben Stiller, Greta Gerwig, Jennifer Jason Leigh, Rhys Ifans
Giovedì 8 dicembre 2011

thumb_cinema

Dopo 15 anni di assenza e una degenza in clinica psichiatrica, Roger Greenberg (Ben Stiller) torna da New York a Los Angeles, per badare alla casa del fratello in vacanza in Vietnam. E' ombroso, irritabile, non guida, scrive lettere di protesta a chiunque, costruisce la cuccia per un cane (malato). Ma incontra una ragazza... Il film "è' un gioiello che brilla di azzeccata luce opaca, complice la straordinaria Greta Gerwig. (...). Noah Baumbach firma un'amarognola commedia ebraica (yiddish) che parte silenziosa per poi riempirsi di sguardi e di dialoghi intensi. Per Ben Stiller, il ruolo della vita". (Alessio Guzzano, City). Il cinema di Baumbach si ispira a Woody Allen, Paul Mazursky, John Cassavetes, Hal Ashby, Robert Altman.


 


Scelta dei film e testi a cura di Paolo Castelli


BIGLIETTI e ABBONAMENTI:

Proiezione pomeridiana:
Biglietto: 4 euro
Abbonamento 10 film: 18 euro

Proiezione serale:
Biglietto: 5 euro
Abbonamento 10 film: 25 euro

Abbonamento speciale "GOLD":
Valido il giovedì, il sabato e la domenica negli orari e giorni in cui viene proiettato il film in cartellone. Dà diritto all'ingresso ad una proiezione per ogni film.
Abbonamento GOLD 10 film: 35 euro

Sala dotata di impianto audio

Dolby Digital
con altoparlanti

JBL

 

PREVENDITA dal 23 settembre 2011 PRESSO:

Le prenotazioni online sono chiuse.

Cartolibreria Centrale Boragno

boragno

Via Milano, 4 - Busto Arsizio - tel. 0331-635753

Cinema Teatro Fratello Sole
Via Massimo D'Azeglio, 1 - tel. 0331-626031 (negli orari di apertura)


Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione si riserva il diritto di apportare modifiche al programma per cause di forza maggiore.

Dolby e Jbl sono marchi registrati.

 

destiniincrociati

destiniincrociati-scritta

Rassegna cinematografica

1° parte

Gennaio - Marzo 2012

Print Friendly and PDFVersione per la stampa

Il castello dei destini incrociati è un'opera di Italo Calvino, pubblicata nel 1973. Il testo è accompagnato, quasi ad ogni pagina, da riproduzioni di carte dei Tarocchi, in varie combinazioni, dalle quali lo scrittore fa scaturire diversi racconti. Si tratta di un'opera di letteratura combinatoria. Le storie nascono da «un numero finito di elementi le cui combinazioni si moltiplicano a miliardo di miliardi.». (Italo Calvino)


Fate clic sul logo thumb_cinema per vedere i trailer dei film!


Proiezioni ore 16 e ore 21

01terraferma_bigTerraferma

Italia, Francia 2011  - 88’ - di Emanuele Crialese – con Filippo  Pucillo, Donatella  Finocchiaro, Mimmo  Cuticchio, Beppe  Fiorello

Giovedì 12 gennaio 2012
thumb_cinema

Una storia sospesa tra realtà e mito, raccontata con il linguaggio delle fiabe. Un ventenne che non ha mai lasciato la sua isola, il nonno pescatore che crede nella legge del mare, un padre sparito tra le onde, uno zio che pensa solo agli affari, una madre (Donatella Finocchiaro) che sogna una nuova vita altrove, una barca da pesca che sta per essere rottamata... Un'isola simbolica (location Linosa) condensa le 'odissee' di isolani e di migranti. Inquietante la sequenza notturna, in cui uomini alla deriva sembrano zombie mentre si aggrappano al peschereccio e ne vengono respinti. Ancora una volta, Emanuele Crialese (dopo Respiro e Nuovomondo) firma un'opera marina, salata, si muove nel suo elemento (l'acqua) e si confronta con La terra trema di Luchino Visconti.




This Must Be The Place02thismustbetheplace_big

Italia, Francia, Irlanda 2011  - 120’ - di Paolo Sorrentino - con Sean  Penn, Judd Hirsch, Eve  Hewson, Kerry Condon

Giovedì 19 gennaio 2012

thumb_cinema

Sean Penn, rockstar passata e remota è rimasto bloccato allo stato adolescenziale del successo: capelli crespi nerissimi, rimmel, smalto... La morte del padre lo spinge – con passo incerto – a rintracciare il nazista che lo umiliò. Inizia così un pellegrinaggio simbolico tra squarci di States fotografati da Luca Bigazzi (omaggio al cinema on the road: da Paris, Texas di Wim Wenders a True Stories di David Byrne).
This Must Be the Place per Paolo Sorrentino rappresenta una nuova opera prima. (…) “In questo on the road di (tras)formazione è il viaggio, più della struttura della storia, a contare. (…). La centralità del personaggio attorno a cui tutto precipita o cambia, qui trova un percorso orizzontale, lineare, in cui luoghi, personaggi, storie vengono solo sfiorati”.(Boris Sollazzo, Film Tv)


03carnage_bigCarnage

Francia, Germania, Polonia, Spagna 2011  - 79’ – di Roman  Polanski – con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly

Giovedì 26 gennaio 2012
thumb_cinema

Il dio del massacro che dà il titolo al testo teatrale all'origine (Adelphi) esige che le due coppie in scena si fronteggino, si insultino e si (auto)disgreghino, a mano a mano, che la loro vera natura prende il sopravvento sulla cortesia ipocrita. Devono conciliare una lite tra i figli undicenni. Da una parte un cinico uomo d'affari che vive al cellulare e una frustrata con perle e sciarpa snob. Dall'altra i genitori del ferito che soffrono di subalternità sociale. Tutto si svolge – in tempo reale (79 minuti) – nel loro salotto. Bagno e cucina sono luoghi/sfogo, l'ingresso una gabbia impossibile da lasciare. La camera di Roman Polanski 'scruta' il ring e asseconda i dialoghi/frecce di Yasmine Reza. Cast formidabile: Jodie Foster, John C. Reilly, Kate Winslet e Christoph Waltz.


Una separazioneUna separazione

Iran 2011 - 123’ -  di Asghar  Farhadi – con Leila Hatami,  Peyman Moadi,  Shahab Hosseini, Sareh Bayat

Giovedì 2 febbraio 2012

thumb_cinema

La censura in Iran controlla e soffoca il cinema. Un piccolo esempio: nessuna donna terrebbe il chador in casa, ma nei film è obbligatorio. Asghar Faradhi (About Elly) si conferma abile narratore con una intensa storia famigliare nelle cui pieghe inserisce domande complesse: è meglio per una ragazzina espatriare o crescere in una patria prigione? La madre vuole andarsene, il padre non vuole abbandonare il genitore con l'Alzheimer. All'interno di una struttura da thriller giudiziario eventi imprevisti,   sottili  provocazioni e l'inevitabile comicità – per lo sguardo occidentale – di una badante preoccupata che telefona a un imam per chiedere se sia lecito spogliare un vecchio malato. Orso d'oro a Berlino con premio collettivo al cast. (Alessio Guzzano)

.

05amorecherestarestless_bigL'amore che resta

Usa  2011- 95’ - di Gus Van Sant - con Henry Hopper, Mia Wasikowska,  Ryô Kase, Schuyler Fisk

Giovedì 9 febbraio 2012

thumb_cinema

Enoch, un ragazzo orfano (Henry Hopper) frequenta i funerali degli sconosciuti per trovare in sé le lacrime che non ha potuto versare. In uno di questi, incontra una coetanea, Annabel, (Mia Wasikowska) con i mesi contati che ama gli insetti, gli uccelli acquatici e vestirsi da uomo. Sembrano due giovani dandy in grigio mentre passeggiano tra gli alberi. “La metafora è forte, ma il delicato film di Gus Van Sant la regge: passatempi all'obitorio, martellate a una tomba, rappresentazioni dell'ultimo respiro, una struggente notte di Halloween e il fantasma di un giovane kamikaze, morto prima di potersi rivelare all'amata.  Un tono autunnale commuove senza cedere alla retorica: il passo dolente è prevedibile ma non sdrucciolevole”. (Alessio Guzzano, City)


06ilcuoregrandedelleragazze_big
Il cuore grande delle ragazze

Italia 2011 - 85’ – di Pupi Avati - con Cesare Cremonini, Micaela Ramazzotti, Gianni Cavina, Andrea Roncato

Giovedì 16 febbraio 2012

thumb_cinema

Sulle colline marchigiane ai tempi del fascismo, il playboy Carlino Vigetti (Cesare Cremonini) deve sposare una delle due figlie racchie del padrone del podere, Sisto Osti. Per scegliere la fortunata, va a far loro visita ogni sera, per un'ora. Compare, però, la bella sorellastra (Micaela Ramazzotti) e scatta l'amore vero, contrastato da canne di fucile e da un allontanamento risentito. Pupi Avati (dopo i toni forti di Una sconfinata giovinezza) si ri-immerge in un piccolo mondo antico contadino e sa far prevalere tonalità divertenti e gocce di perfidia rispetto al consueto agrodolce. Il suo è un affresco che scolpisce 'maschere' umane ben interpretate dall'ottimo cast di contorno: Andrea Roncato, Gianni Cavina, Erica Blanc, Sidney Rome, Alessandro Haber (voce).


07tomboy_bigTomboy
Francia 2011 - 82’ - di  Céline  Sciamma  – con Zoé  Héran,    Malonn  Lévana,     Jeanne  Disson,  Sophie  Cattani
Giovedì 23 febbraio 2012

thumb_cinema

"Sei nuovo?" chiede la ragazzina della porta accanto a Laure (10 anni) che si veste da maschiaccio e porta i capelli sforbiciati. Lei risponde di sì e si inventa un nome da ragazzo, Michael.  Osserva gli amici giocare a calcio, impara a sputare, a fare a pugni,... Ha qualche problema solo se deve sfuggire al rito collettivo della pipì... E' appena arrivata nel quartiere, ha una famiglia felice, una sorellina e un fratellino in arrivo. E' il capriccio di una pre-adolescente? L'indizio di una futura scelta sessuale? L'ispirato  e tenero film di Céline Sciamma non lo dice: la finzione viene smascherata, la scuola comincia... Allo spettatore rimangono domande più ampie intorno alla definizione della sessualità propria di ogni individuo.

08lakryptonitenellaborsa_bigLa kryptonite nella borsa
Italia 2011  – 98’- di Ivan Cotroneo - con Valeria Golino, Cristiana Capotondi, Luca Zingaretti, Libero De Rienzo
Giovedì 1 marzo 2012
thumb_cinema

"Napoli, 1973. Peppino è il più giovane membro della famiglia Sansone. Neanche dieci anni, la vergogns di una forte miopia e un'ammirazione per lo strambo cugino che si crede  Superman. In seguito alla sua morte, il piccolo Peppino comincia a immaginarne la presenza, e di questo fantasma fa il suo unico amico. Quando la madre Rosaria (Valeria Golino) entra in depressione dopo aver scoperto che il marito (Luca Zingaretti) la tradisce, sarà infatti lui, più che i due zii giovani e incoscienti, a insegnargli come trovare il proprio posto nel mondo." (Edoardo Becattini, My Movies)
Dal proprio romanzo Ivan Cotroneo (già sceneggiatore di Ozpetek) trae una commedia che 'pedina' il percorso di iniziazione di Peppino.
Intorno a lui l'atmosfera degli anni '70 arricchisce una parabola di vitalità e di vivacità.

09adangerousmethod_bigA Dangerous Method

Gran Bretagna, Germania, Canada, Francia, Irlanda 2011  - 99’ – di David Cronenberg - con Viggo Mortensen, Keira  Knightley, Michael Fassbender, Vincent Cassel
Giovedì 8 marzo 2012

thumb_cinema

David Cronenberg investiga con freddo bisturi la nascita della psicanalisi. Zurigo 1904. Sabina Spielrein (Keira Knightley), una paziente isterica è presa in cura dal giovane Gustav Jung, che ne scopre i traumi infantili, e diventa sua amante. A Vienna, Sigmund Freud si convince che Jung sarà il suo erede. Invece rompono. Uno racconta troppi sogni, l'altro nessuno.  Sabina sta tra i due – la mente a Freud (Viggo Mortensen),  il corpo a Jung (Michael Fassbender) -. E lei stessa diventa analista.
“Nella ricerca di massima precisione storica (…) Cronenberg riesce a spandere un soffio onirico sulla consistenza dei conflitti e delle ragioni (il lago perenne a Zurigo, la Vienna vuota, la 'quantità' nello studio di Freud e talune 'mancanze' nell’ospedale o negli interni)”. (Silvio Danese, Film Tv)


10pina3d_bigPina

Germania 2011  – 103’ – di Wim Wenders -  con Pina Bausch,  Regina Advento, Malou Airaudo, Ruth Amarante
Giovedì 15 marzo 2012

thumb_cinema

Nel 1985 Wim Wenders vede per la prima volta Café Müller, nel quale la coreografa tedesca, capofila del teatro-danza, Pina Bausch, danza insieme ai suoi ballerini. Ne nasce un'amicizia lunga vent'anni e il progetto di un film, che comincia a concretizzarsi nel 2008, con la scelta del repertorio da filmare ma s'interrompe un anno dopo, con la morte della Bausch. L'interesse di Wenders per la tecnica del 3D crea la spinta per girare il film.
Wenders 'interroga' i ballerini di tutto il mondo della compagnia. Bellissima l'idea di mostrare i loro volti in silenzio e far ascoltare over le loro testimonianze.
Il regista 'investiga' gli allestimenti 'pittorici' della Bausch ma sceglie, anche, di 'inquadrare' i componenti dell'ensemble di Wuppertal in location industriali o naturali, dando nuova vita ai passi di danza.



Scelta dei film e testi a cura di Paolo Castelli


BIGLIETTI e ABBONAMENTI:

Proiezione pomeridiana:
Biglietto: 4 euro
Abbonamento 10 film: 18 euro

Proiezione serale:
Biglietto: 5 euro
Abbonamento 10 film: 25 euro

Abbonamento speciale "GOLD":
Valido il giovedì, il sabato e la domenica negli orari e giorni in cui viene proiettato il film in cartellone. Dà diritto all'ingresso ad una proiezione per ogni film.
Abbonamento GOLD 10 film: 35 euro

Sala dotata di impianto audio

Dolby Digital
con altoparlanti

JBL

PREVENDITA PRESSO:

Cartolibreria Centrale Boragno

boragno

Via Milano, 4 - Busto Arsizio - tel. 0331-635753

Cinema Teatro Fratello Sole
Via Massimo D'Azeglio, 1 - tel. 0331-626031 (negli orari di apertura)


Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione si riserva il diritto di apportare modifiche al programma per cause di forza maggiore.

Dolby e Jbl sono marchi registrati.

 

Cinema a buffet

 

Cinema a buffet

Due serate con i maestri del cinema per riprovare l'emozione dei grandi capolavori in pellicola. Un'occasione per attingere liberamente a un buffet cinematografico di alto livello e assaporare il gusto di due classici della cucina italiana.

Programma delle serate:

19.00 - Prima proiezione
20.45 - Cena a buffet (omaggio)
21.45 - Seconda proiezione

Solo proiezioni in pellicola

 

pizzaabuffet

Sabato 19 marzo

Manhattan
di Woody Allen (Usa 1979, 96')

Pizza a buffet
a cura di
033 Sapori Lucani
Via B. Milani, 20

Tirate sul pianista
di Francois Truffaut (Francia 1960, 80')

 

piadinaabuffet



Sabato 26 marzo

The Nightmare
before Christmas

di Tim Burton (Usa 1993, 73')

Piadina a buffet
a cura di
La Piadineria
Via Carducci, 1

Dracula di Bram Stoker
di Francis Ford Coppola (Usa 1992, 128')

 

 

Ingresso a 2 proiezioni: 12€
Ingresso a 1 proiezione: 6€

Per i possessori di abbonamento cinema Gold in corso di validità l’ingresso è gratuito. Per chi non partecipa alla proiezione delle ore 19.15 la
prenotazione del buffet è obbligatoria.


Si ringraziano:

CAHIERS DU CINEMA

SGUARDI D'ESSAI
Sale cinematografiche culturali di Busto Arsizio


Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cinema-margiu11completo

faremondi2

Rassegna cinematografica

2° parte

Marzo - Giugno 2011

 

La seconda parte di Fare mondi, attraverso i film selezionati, prova a rispondere a alcune domande che si pone lo studioso Paolo Bertetto nel suo saggio Lo specchio e il simulacro. Il cinema nel mondo diventato favola (Bompiani):

"Che cosa è l'immagine filmica? Una finestra aperta sul mondo o una forma prodotta artificialmente, il mondo stesso o un simulacro? E' uno specchio in cui possiamo riconoscerci attraverso l'immagine dell'altro, o una superficie che ci mostra vedenti e visibili al tempo stesso, o una scena in cui si sviluppa un racconto che ci aiuta a comprendere la nostra esistenza? E' una rappresentazione realistica o è il risultato di un lavoro di simulazione? E' un'immagine meramente riproduttiva o ha una forza intellettuale e simbolica, o, ancora, ci permette di visualizzare i fantasmi psichici e le figure dell'inconscio?"

Lo fa con un mix di commedie e di film drammatici che mettono in scena 'mondi' diversi tra loro ma sempre 'interroganti'.

Il 7 Aprile ospitiamo la programmazione del B.A. Film Festival.




Fate clic sul logo thumb_cinema per vedere i trailer dei film!


Proiezioni ore 16 e ore 21

01wewantsexWe Want Sex

Gran Bretagna 2010  - 113' - di Nigel Cole - con Sally Hawkins, Bob Hoskins, Miranda Richardson, Geraldine James

Giovedì 24 marzo 2011
thumb_cinema

Lavoratori maschi impiegati nel 1968, nello stabilimento della Ford a Dagenham, Essex: 55.000. Donne: 187. Ritenute non qualificate,  sfruttate, considerate manodopera a basso costo. Anche in famiglia è dura.

Finalmente si ribellano e la loro lotta cambierà la condizione femminile. Il regista Nigel Cole adotta lo stesso mix brillante/(melo)drammatico di Calendar Girls e di L'erba di Grace per raccontare una parabola british. La narrazione corale si muove tra gag esilaranti e acuti commoventi. Gran bel lavoro di casting (spiccano Sally Hawkins, Miranda Richardson, Bob Hoskins) e di ricostruzione (costumi, scenografie, location).

 




Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni02incontrerailuomo

Usa, Spagna 2010 - 98' -  di Woody Allen - con Antonio Banderas, Josh Brolin, Anthony Hopkins, Gemma Jones

Giovedì 31 marzo 2011

thumb_cinema

 

 

Dopo la rimpatriata a Manhattan con Basta che funzioni, Woody Allen ritorna a Londra. In Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni Allen sfoggia la sue doti migliori: leggerezza ironica  alleata a sottile cinismo. In sintesi la 'ronde' dei personaggi: Helena (Gemma Jones) si fa dettare la vita a colpi di predizioni da una cartomante. Suo marito, Alfie (Anthony Hopkins) l'ha lasciata, ossessionato dal bisogno di gioventù. La figlia Sally (Naomi Watts) ha il marito sbagliato: lo scrittore in crisi, Roy (Josh Brolin). Quello giusto è il suo principale, il gallerista Antonio Banderas? Sarà anche vero che Allen 'ricama' intorno al  suo universo. Ma certe ossessioni sono 'sue' per poetica, stile, qualità, leggerezza e profondità.


.

 

 

03hereafterHereafter

Usa 2010  - 129' - di Clint Eastwood - con Matt Damon, Cécile de France,  Frankie McLaren,  George McLaren

Giovedì 14 aprile 2011

thumb_cinema

Un film 'anomalo' per Clint Eastwood: una parabola che 'pedina' vite parallele, che gira per il mondo evocando destini incrociati (dalla Thailandia  a Parigi, da San Francisco a Londra fino a una clinica svizzera). Attraversa generi e questioni scottanti (non solo: "Esiste un hereafter, un aldilà?") , riuscendo, grazie al suo sguardo e al suo cinema tra i più 'solidi', a tenersi lontano dalla retorica.
Eastwood (ancora) si interroga e ci interroga sul mondo. La sua linearità stilistica mette in scena un modello classico di cinema. Charles Dickens e il sogno ci suggeriscono tutte le storie ancora da raccontare. Film sul 'confine' della morte; opera libera, solo apparentemente conciliatoria.




04barneysversionLa versione di Barney

Canada, Italia 2010 - 98' - di  Richard J.Lewis - con Paul Giamatti, Dustin Hoffman, Rosamund Pike, Minnie Driver

Giovedì 28 aprile 2011

thumb_cinema

Sull'orlo dell'Alzheimer, un ebreo canadese fuma, beve e ricorda: decenni di sigari, di whisky e di irriverenza. Una moglie suicida; una moglie ricca, tradita il giorno del matrimonio; un'adorata terza moglie che non ha saputo meritare. Un amico che forse ha ucciso dopo una lite sul lago. Uno sboccato padre poliziotto (Dustin Hoffman). Il film trova in Paul Giamatti un'ottima 'maschera'. La vita al vetriolo del personaggio letterario di Mordecai Richler viene 'diluita' nella versione cinematografica di Richard J. Lewis. Alcune variazioni  non aiutano (incipit a Roma al posto di Parigi nel romanzo) ma il sapore originario rimane. Richler purtroppo è scomparso prima di poter sceneggiare il film.

 

 

 

05incendiesLa donna che canta

Canada, Francia 2010 - 130' - di Denis Villeneuve - con Lubna Azabal, Mélissa Désormeaux-Poulin, Maxim Gaudette, Rémy Girard
Giovedì 5 maggio 2011

thumb_cinema

In seguito alla morte della madre Nawal, due gemelli canadesi, Jeanne e Simon, scoprono, alla lettura del testamento, di avere un fratello e un padre ignoti. Inizia così una detection (con enigma), che li condurrà in Libano. Mentre procedono le indagini volgiamo, in flash-back, uno sguardo al tragico percorso della madre, cristiana, rinchiusa per molti anni in prigione. Con uno stile forte, rigoroso, quasi geometrico (movimenti calibrati della mdp, sguardi in macchina...) La donna che canta evoca gli 'incendi' (titolo originale del film) interiori e collettivi della sanguinosa storia recente della Palestina e del Libano,  attraverso 'una drammaturgia di ampio respiro, tragica e complessa come un romanzo d'appendice'.

 

 



06anotheryear
Another Year

Gran Bretagna 2010 - 129' - di Mike Leigh - con Jim Broadbent,  Ruth Sheen  , Oliver Maltman, Lesley Manville

Giovedì 12 maggio 2011

thumb_cinema

 

 

Nei sobborghi di Londra, una coppia sui 50 anni invecchia 'coltivando' il proprio affetto in cucina, in giardino, in un orto urbano.  Tom è geologo, Gerri psicologa. Lui 'scava' buche, lei cervelli. Una collega di lei e un amico di lui portano in visita le loro solitudini e le loro ossessioni. Il fratello di lui, vedovo, è annichilito dall'assenza. Si chiacchiera, si beve."Quattro fine settimana in quattro stagioni: dense pause rivelatrici di segreti e di bugie, dialoghi british a caccia di un raggio di solidarietà. Come nel teatro dell'assurdo, il ridicolo nasce dalla disperazione. Mike Leigh tesse cinema spoglio, ricchissimo di umanità. (...) Si fondono tristezza, speranza e abitudine". (Alessio Guzzano, City)


 

07ildiscorsodelreIl discorso del re
Gran Bretagna, Australia 2010  - 111' - di Tom Hooper - con Coli Firth, Geoffrey Rush, Helena Bonham Carter, Guy Pearce
Giovedì 19 maggio 2011

thumb_cinema

Il film di Tom Hooper narra del duca di York, Giorgio VI (un Colin Firth da Oscar), padre di Elisabetta II, e del suo problema di balbuzie. L'erede al trono era Edoardo, destinato però ad abdicare per amore della 'borghese' Wallis Simpson. Giorgio VI, ora re, deve imparare a 'domare' il microfono. "Ne seguiamo i forzati allenamenti psico-vocali: gargarismi, parolacce, urla liberatorie, bando alle sigarette e movimenti poco regali, imposti da un logopedista australiano (Geoffrey Rush) (...). Il direttore d'orchestra vocale guida il paziente scontroso  alla democrazia dei modi, dei toni e dei media, sciogliendone la rigidità in Mozart e Beethoven. Ambienti fotografati come stati d'animo, dialoghi e cast nobilissimi". (Alessio Guzzano, City)

 

08ladonnadellamiavitaLa donna della mia vita
Italia 2010  - 96'- di Luca Lucini - con Luca Argentero, Alessandro Gassman, Stefania Sandrelli, Valentina Lodovini
Giovedì 26 maggio 2011

thumb_cinema

Figli di padre differente, ma della stessa madre, Alessandro Gassman e Luca Argentero sono cresciuti sviluppando caratteri opposti. Uno è un 'piacione' sul lavoro e con le donne. L'altro è timido, sensibile, chiuso. L'irruzione della violoncellista Valentina Lodovini - nuova fiamma del secondo ed ex del primo - 'rompe' il quadro e 'impone' inversioni di ruolo tra i fratelli. La mamma (Stefania Sandrelli) 'dirige' i loro destini tra buoni propositi, bugie e omissis. La grazia della Sandrelli  ci convince quasi 'che sbagliare per troppo amore sia una forma di assolvibile candore e non un delitto'. Luca Lucini realizza, da un soggetto di Cristina Comencini, una commedia degli equivoci alla Lubitsch, dalle location milanesi, spesso con i tempi esatti e i toni giusti.




09esplosivopianodibazilL'esplosivo piano di Bazil

Francia 2009  - 105' - di Jean-Pierre Jeunet - con Dany  Boon, André Dussollier, Nicolas Marié, Jean-Pierre Marielle
Giovedì 2 giugno 2011

thumb_cinema

Il regista di Il favoloso mondo di Amélie, Jean-Pierre Jeunet, ci regala una nuova fiaba in cui il protagonista Bazil (il magico Dany Boon), con una banda di clochard, cerca di sconfiggere potenti mercanti d'armi per vendicarsi di una pallottola in fronte e del padre ucciso da una mina. "Un film circo, con non casuali riferimenti a Méliès, Tati e soci, variopinto e spiritoso, pieno di gag e trucchi artigianali, sorrisi e virtuosismi, affidati a un cast molto francese. Divertente per ogni età". (Maurizio Porro, Il Corriere della Sera)

Il film è un immaginifico gioco, una recita di adulti bambini, piena di idee estrose,  brillanti invenzioni e citazioni (Tex Avery, Howard Hawks,...) che racchiude al suo interno un forte 'grido' pacifista.



10americanlifeAmerican Life

Gran Bretagna, Usa 2009  - 98' - di Sam Mendes -  con John Krasinski, Maya Rudolph, Carmen Ejogo, Catherine  O'Hara
Giovedì 9 giugno 2011

thumb_cinema

Verona è incinta di sei mesi. Burt è il suo allampanato compagno. Quando i genitori di lei annunciano che si trasferiranno in Belgio,  la coppia  si avventura on the road alla ricerca di una vera home. Sono fragili, hanno paura di essere dei loser ma tutti gli altri sono dei mostri."Incontrano amici e parentastri frustrati in famiglia: chi adotta figli all'ingrosso, chi li mette all'ingrasso, chi tradisce il partner con la mente, chi con l'ipocrisia, chi con la rassegnazione. George Harrison, Velvet Underground, Bob Dylan (e Clint Eastwood!) infondono note di speranza". (Alessio Guzzano, City)

Lo sguardo di Sam Mendes, dopo American Beauty e Revolutionary Road, continua a investigare il lato oscuro dell'American Life, pur con toni da commedia (amara).

 


Scelta dei film e testi a cura di Paolo Castelli


BIGLIETTI e ABBONAMENTI:

Proiezione pomeridiana:
Biglietto: 4 euro
Abbonamento 10 film: 18 euro

Proiezione serale:
Biglietto: 5 euro
Abbonamento 10 film: 25 euro

Abbonamento speciale "GOLD":
Valido il giovedì, il sabato e la domenica negli orari e giorni in cui viene proiettato il film in cartellone. Dà diritto all'ingresso ad una proiezione per ogni film.
Abbonamento GOLD 10 film: 35 euro

Sala dotata di impianto audio

Dolby Digital
con altoparlanti

JBL

 

PREVENDITA dal 15 marzo 2011 PRESSO:

PRENOTAZIONE ONLINE FACENDO CLIC QUI.

Cartolibreria Centrale Boragno

boragno

Via Milano, 4 - Busto Arsizio - tel. 0331-635753

Cinema Teatro Fratello Sole
Via Massimo D'Azeglio, 1 - tel. 0331-626031 (negli orari di apertura)


Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione si riserva il diritto di apportare modifiche al programma per cause di forza maggiore.

Dolby e Jbl sono marchi registrati.

 

pellicola-vert-picc

finzioni3

Rassegna cinematografica

3° parte

Ottobre - Dicembre 2010

Qualsiasi inizio non è che un seguito e il libro del destino è sempre aperto nel mezzo
(Wislawa Sszymborska, premio Nobel per la letteratura)

 

Finzioni (del reale) 3 remix: stelle cadenti, mine vaganti, padri (di film) scomparsi, cose complicate, cose che si vogliono di più, giovani persiani, segreti nascosti negli occhi, vite da rendere nostre, happy (hour) family, viaggi chilometrici...


NOVITA': PRENOTA ONLINE L'ABBONAMENTO e ritiralo in teatro su appuntamento. Il modulo si trova qui.

Fate clic sul logo thumb_cinema per vedere i trailer dei film!


Proiezioni ore 16 e ore 21

minevagantiMine vaganti
Italia 2010 - 110' - di Ferzan Ozpetek - con Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Lunetta Savino
Giovedì 7 ottobre 2010
thumb_cinema

Un affresco familiare pugliese, cucinato da Ferzan Ozpetek. Location barocca, Lecce. Tutti a tavola con le loro identità sessuali, contraddizioni, pregiudizi, aspirazioni. La famiglia è composta da un ottimo cast: i figli Scamarcio e Preziosi,  il padre Fantastichini, la madre Lunetta Savino, la zia  Elena Sofia Ricci, la nonna Ilaria Occhini con trapassato amore segreto. Ozpetek dirige con eleganza e leggerezza, tra melò, commedia,  sguardi, equivoci, non detti, dilemmi esistenziali, canzoni melodiche azzeccate ("50 mila lacrime non basteranno perchè musica triste sei tu dentro di me" canta Nina Zilli), sinuosi movimenti di macchina da presa.


 

 

 

 

Bright Starbrightstar
Australia, Gran Bretagna, Francia, Usa 2010  - 119' - di Jane Campion - con Abbie Cornish, Ben Whishaw, Kerry Fox, Paul Schneider
Giovedì 14 ottobre 2010

thumb_cinema

 

 

L'amore tra un poeta povero e la sua ostinata vicina nella campagna di Londra diviene un incantevole e malinconico film ipnotico. John Keats, trascurato da critici e lettori, visse presso amici mecenati. Non poteva permettersi abiti pesanti, né sposarsi. Come il fratello, morì di tubercolosi, a 25 anni (1821). Jane Campion scruta con ispirazione  la sua 'malata' passione e la devozione della fidanzata, Fannie. "Campanule, lavanda, neve, brividi, lettere, ceralacca, armadi, cene, cuffie, cappelli, servette, abitini, pioggia, sangue, lacrime, addii. Jane Campion cuce lampi/capolavoro: Piazza di Spagna non è mai stata così vuota come per il funerale dello sfortunato" (Alessio Guzzano, City).


.

 

 

cosavogliodipiuCosa voglio di più
Italia, Svizzera 2010  - 126' - di Silvio Soldini  - con Pierfrancesco Favino, Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston
Giovedì 21 ottobre 2010

thumb_cinema

Brava ragioniera con abitini smorti, convive con brav'uomo. "Bricolage, vano doccia, basilico in balcone, brutte unghie, pause pranzo, cellulari da poco, broccoletti soppressati, gioco dei mimi, qualche birra, rare gite in montagna e molte al super. Quando in vite così entra la passione, esplodono desideri e tinelli" (Alessio Guzzano, City). Alba Rohrwacher 'incrocia' l'uomo del catering Pierfrancesco Favino. Il loro è l'amore al tempo della crisi. Ogni squallore, fatica, giostrina, balera, piscina, parcheggio, motel, rimanda all'angoscia economica. Milano è confinata nei non-luoghi. Camera a mano sempre addosso ai suoi personaggi, Silvio Soldini prova a costruire un nuovo modello di post-realismo.




ecomplicatoÈ complicato
Usa  2009  - 118' -  di Nancy Meyers - con Meryl Streep, Alec Baldwin, Steve Martin, John Krasinki
Giovedì 28 ottobre 2010

thumb_cinema


Dopo 19 anni di matrimonio, 10 di divorzio, 3 figli e mille ricordi, tra Meryl Streep e Alec Baldwin si riaccende la passione.  Lui ha una moglie giovane e un figlio acquisito. Lei coltiva l'architetto Steve Martin, che ama il cinema francese e quindi la corteggia timido, ma cede al consolidato amante. Di nuovo una straordinaria Meryl Streep che ride dei pericoli dell'astinenza sessuale, si diverte ad essere lei finalmente 'l'altra', poi piange umiliata dalla classica cena disattesa. Nancy Meyers (What Women Want, Tutto può succedere, L'amore non va in vacanza) allestisce di nuovo una buona commedia leggera ma non troppo:  buon ritmo, umorismo, femminismo romantico, verità interiori.

 

 

 

ilpadredeimieifigliIl padre dei miei figli
Germania, Francia 2009 - 110' di Mia Hansen-Love - con Chiara Caselli, Louis-Do de Lencquesaing, Alice de Lencquesaing, Alice Gautier
Giovedì 4 novembre 2010

thumb_cinema

Il protagonista, un produttore cinematografico di film d'autore, ci lascia all'improvviso,  dopo un iniziale viaggio tra simboliche rovine. E allora tocca alla vedova Chiara Caselli e alle figlie elaborare il lutto e reagire. Tocca al desiderio di chi vuole che l'ultimo film venga terminato, mentre si scoprono segreti di famiglia. Mia Hansen-Løve, giovane regista che viene dalla critica, si ispira alla vera vicenda di un produttore suicida (Humbert Balsan) e la trasforma in parabola sul mestiere del cinema e sulla profonda e dolente ostinazione della vita che continua nonostante tutto.

 

 



ilsegretodeisuoiocchiIl segreto dei suoi occhi
Argentina 2009 - 129' - di Juan Josè Campanella - con Ricardo Darìn, Soledad Villamil, Pabro Rago, Javier Godino
Giovedì 11 novembre 2010

thumb_cinema

Un commissario in pensione scrive un libro sull'indagine che, tre decenni prima, gli ha tormentato la vita: l'omicidio con stupro di una giovane moglie, a Buenos Aires, nel 1974. Scoprì il colpevole, ma gli fu sottratto dalla polizia della dittatura. Impressionato dall'ostinata passione del vedovo, spinto dal proprio amore per la pubblico ministero, l''investigatore' disvela sepolte verità. Il film di Juan José Campanella ha vinto l'Oscar come miglior film straniero 2010. Gli ingredienti del film: stile classico,  buona fotografia, plot complesso, impegno e sentimento, picchi polizieschi e thriller acuti, attimi poetici, discese nel mèlo (la rincorsa al treno), inserti spettacolari (l'arresto dell'assassino allo stadio),...

 


 

happyfamilyHappy Family
Italia 2010 - 90' - di Gabriele Salvatores - con Fabio De Luigi, Diego Abatantuomo, Fabrizio Bentivoglio, Margherita Buy
Giovedì 18 novembre 2010

thumb_cinema

Abatantuono con moglie alcolica e figlia cascoplatino. Bentivoglio con moglie nervosa (Buy, è ovvio) e figlio saccente. La nonna cuoca con l'Alzheimer e la splendida nipote. Sono gli otto personaggi in cerca dell'autore Fabio De Luigi, scrittore per hobby romantico (attenzione al finale, stile I soliti sospetti).  Li sta creando nell'estate di una Milano geometrica e stilizzata. Meta-narrazione pirandelliana (ma anche alla Kaufman, Jonze, Gondry), rigida struttura narrativa (tutta sguardi in macchina e apertura e chiusura di capitoli e paragrafi come in un file di computer), divertenti gag, musica vintage (Simon e Garfunkel), citazioni cinefile e gusto per il grottesco.

 

 

 

 

lanostravitaLa nostra vita
Italia 2010 - 100'- di Daniele Lucchetti - con Elio Germano, Raoul Bova, Isabella Ragonese, Luca Zingaretti
Giovedì 25 novembre 2010

thumb_cinema

Un operaio edile (Elio Germano) forse non specializzato ma bravo. Neanche 30 anni, moglie, due figli più uno in arrivo, un unico stipendio. Vive in un trilocale di borgata romana, dove i centri commerciali hanno sostituito le piazze. Canta e battezza in nome di Vasco e, a un inaspettato funerale, ci fa commuovere... La sua anima fragile reagisce al lutto lanciandosi nell'ambizione. Ricatta, ottiene un subappalto, s'indebita, crolla, risorge grazie alla famiglia. Non è cattivo. Non lascia vincere i figli alla Wii, ma sa tenerli vicino.  Da una intensa sceneggiatura di  Rulli e Petraglia, Lucchetti 'edifica' un perfetto spaccato italiano. A Cannes 2010 (unico film italiano in concorso) Elio Germano ha vinto come miglior attore.




igattipersianiI gatti persiani
Iran 2009 - 101' - di Bahman Ghobadi - con Negar Shaghaghi, Ashkan Koshanejad, Hamed Behdad
Giovedì 2 dicembre 2010

thumb_cinema

Il titolo deriva dal divieto in Iran di portare fuori di casa gatti e cani. A Teheran Il regista  'pedina' una  giovane coppia decisa a formare una rock-band e ad andare all'estero. La ricerca dei musicisti e dei passsaporti consente al regista di descrivere Teheran e il mondo musicale underground. "I gatti persiani è almeno una grande sorpresa. Gli unici film iraniani che siamo abituati a vedere sono opere classiche o poetiche di registi come Kiarostami o Makhmalbaf (...),  Questo di Ghobadi è uno dei pochi film iraniani del presente, di giovani, di musica, realistici: nel suo stile frantumato, nelle riprese della sua macchina da presa manuale digitale, ha un'attualità, una vitalità e un ardire rari." (Lietta Tornabuoni La Stampa). Il film è stato premiato a Cannes 2009.



14kilometros14 Kilometros
Spagna 2010 - 95' -di Gerardo Olivares - con Mahamadou Alzouma, Aminata Kanta, Adoum Moussa
Giovedì 9 dicembre 2010
thumb_cinema

Violet (già stuprata in famiglia da bambina), Buba (un calciatore di talento) e Mukela (fratello di Buba): tre disperati che sognano l'Europa. Partono dal Mali e viaggiano attraversando il deserto del Sahara. Mukela muore, mentre Violet e Buba vengono salvati da alcuni tuareg. L'obiettivo dei sopravvissuti è raggiungere il Marocco, per poi superare quella fatidica distanza (i 14 chilometri del titolo) che li separa dalla Spagna. Gerardo Olivares filma questa 'odissea', restituendoci la topologia  precisa  dell'itinerario (Mali, Niger, Algeria, Marocco, Spagna), l'estasi del paesaggio immobile e indifferente (in particolare le location del deserto del Teneré) e, al contempo, il tormento interiore dei protagonisti.

 


Scelta dei film e testi a cura di Paolo Castelli


BIGLIETTI e ABBONAMENTI:

Proiezione pomeridiana:
Biglietto: 4 euro
Abbonamento 10 film: 18 euro

Proiezione serale:
Biglietto: 5 euro
Abbonamento 10 film: 25 euro

Abbonamento speciale "GOLD":
Valido il giovedì, il sabato e la domenica negli orari e giorni in cui viene proiettato il film in cartellone. Dà diritto all'ingresso ad una proiezione per ogni film.
Abbonamento GOLD 10 film: 35 euro

Sala dotata di impianto audio

Dolby Digital
con altoparlanti

JBL

 

PREVENDITA dal 15 settembre 2010 PRESSO:

NOVITA': PRENOTA ONLINE L'ABBONAMENTO e ritiralo in teatro su appuntamento. Il modulo si trova qui.

Cartolibreria Centrale Boragno

boragno

Via Milano, 4 - Busto Arsizio - tel. 0331-635753

Cinema Teatro Fratello Sole
Via Massimo D'Azeglio, 1 - tel. 0331-626031 (negli orari di apertura)


Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La Direzione si riserva il diritto di apportare modifiche al programma per cause di forza maggiore.

Dolby e Jbl sono marchi registrati.

 

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy