Martedì, 14 Febbraio 2012 23:15

IL PESO DELLA FARFALLA - Erri De Luca

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un uomo e un animale.

Un cacciatore e il re dei camosci.

Un confronto cruciale e una farfalla che fa da ago della bilancia.

Il suo peso impalpabile deciderà per sempre.

 

Anna Maria

Informazioni aggiuntive

  • Titolo: Il peso della farfalla
  • Autore: Erri De Luca
  • Editore: Feltrinelli
  • Numero copie: 2
  • Stato: Disponibile
  • Codice libro: G014
Letto 16258 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Marzo 2013 20:45

7 commenti

  • Link al commento Grazia Giovedì, 07 Marzo 2013 16:12 inviato da Grazia

    Molto bello e poetico, scritto veramente bene!

  • Link al commento Lorenza Giovedì, 15 Novembre 2012 16:23 inviato da Lorenza

    Libro breve, scritto con una scrittura leggera, semplice, che a tratti sembra essere poesia.
    L'autore racconta prima di un duello lungo anni tra un vecchio camoscio, re orgoglioso del suo branco, e un bracconiere un po' misantropo, che si sfidano a distanza, tra astuti sotterfugi e piccole rivalse.
    Le loro sono però due esistenza che hanno in comune una profonda solitudine.
    Queste due solitudini finiscono legate nella morte, in un abbraccio forte ed eterno.
    Il racconto è un viaggio nella vita e nella morte, nella natura, nella sua bellezza e crudeltà.
    Il secondo brevissimo racconto è un elogio alla forza e bellezza della natura.

  • Link al commento Maria Grazia Domenica, 29 Aprile 2012 16:01 inviato da Maria Grazia

    Bellissima storia di libertà, si sente il "respiro dell'aria aperta", il cacciatore e il camoscio non sono nemici, ma neanche amici. Due aspetti 'opposti' della stessa libertà. Il linguaggio semplice e contadino lo rende molto piacevole da leggere.

  • Link al commento Fratello sole Venerdì, 16 Marzo 2012 11:32 inviato da Fratello sole

    L’autore sa dirci in egual misura desideri ed emozioni dei due esseri, che sembrano passare una parte della loro vita ad evitarsi ed attrarsi. Ambedue fieri della loro diversità, gelosi della loro indipendenza, mai felici, gelosi della libertà che a caro prezzo sanno mantenere. La loro libertà è solitudine, ma per nulla cambierebbero la loro vita difficile. Moriranno al giusto punto, insieme, amandosi a modo loro.

  • Link al commento Fratello sole Venerdì, 16 Marzo 2012 11:31 inviato da Fratello sole

    Due vite parallele: quella di un uomo e quella di un camoscio. Dura e difficile quella dell’animale, che non ha conosciuto la tenerezza della madre e la schiavitù dei suoi insegnamenti; dura e difficile quella dell’uomo, cacciatore ed eremita, legata alla montagna in una simbiosi di amore e di carattere.

  • Link al commento Maria Teresa Martedì, 06 Marzo 2012 19:06 inviato da Maria Teresa

    E' un racconto dove spesso fa capolino la poesia.
    Traspare la passione per la montagna e per gli animali che la abitano, in particolare i camosci.
    Il racconto offre diverse metafore sulla vita e sull'esistenza, anche se spesso tali metafore non sono supportate da profondità d'analisi.

  • Link al commento Mariangela Sabato, 03 Marzo 2012 15:24 inviato da Mariangela

    Consiglio di leggere questo libro perché sono ben evidenziati l’orgoglio, la caparbietà e la ritenuta superiorità del cacciatore sulla sua preda. Un’attenta e accurata descrizione della natura circostante rendono affascinante questo racconto.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy