Martedì, 14 Febbraio 2012 19:05

IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE - John Boyne

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Una delle storie più mostruose dell'umanità può essere raccontata come una fiaba? Sì, soprattutto se il protagonista è un bambino, che vive a Berlino durante la Seconda Guerra Mondiale e interpreta il mondo che lo
circonda a  suo modo.
200 pagine che si leggono d'un fiato, grazie soprattutto alla leggerezza e alla dolcezza dello sguardo innocente e inconsapevole del piccolo protagonista.

Questo best seller del 2006 di John Boyne ha venduto più di 5 milioni di copie in tutto il mondo. Da questo libro nel 2008 è stato tratto il film omonimo diretto da Mark Herman.

Filippo

Informazioni aggiuntive

  • Titolo: Il bambino con il pigiama a righe
  • Autore: John Boyne
  • Editore: BUR
  • Numero copie: 2
  • Stato: Disponibile
  • Codice libro: G007
Letto 6875 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Novembre 2012 12:45

6 commenti

  • Link al commento Paola Marongiu Lunedì, 21 Maggio 2012 10:15 inviato da Paola Marongiu

    Delicatezza e stupore, poi man mano il più profondo degli orrori!
    Mi chiedo: potrebbe essere successo davvero in quei luoghi un fatto simile? Quale avrebbe potuto essere la reazione del capo del Campo di "Auscit" padre del bambino tedesco AMICO
    del bambino ebreo, passato per IL CAMINO assieme al suo amico?
    Amicizia, fatalità, CRUDELTA'.
    Se fosse successo realmente, avrebbe potuto cambiare la STORIA?

  • Link al commento Aldina Martedì, 01 Maggio 2012 16:31 inviato da Aldina

    Ingenuità delicata,disarmante e terribile di un bambino ma atrocemente praticata allora da tanti adulti....

  • Link al commento Antonella Domenica, 22 Aprile 2012 20:38 inviato da Antonella

    Con un linguaggio molto semplice questo libro parla del nazismo visto dal punto di vista di un bambino. Proprio per il modo in cui è scritto trasmette davvero l'orrore del nazismo. Ma non c'è solo la guerra, c'è anche un'Amicizia con la A maiuscola e l'ingenuità di un bambino di 9 anni rende il tutto molto più vero! Una favola attualissima con un finale che fa pensare molto. Consigliato a tutti, grandi e piccoli.

  • Link al commento Mimma Tosi Giovedì, 12 Aprile 2012 19:15 inviato da Mimma Tosi

    E' un romanzo toccante, ricco di sentimenti contrastanti e profondi che rendono il lettore partecipe della terribile situazione che il piccolo Bruno, di nove anni appena, vive senza rendersene conto. La realtà, vista attraverso i suoi occhi innocenti ed inconsapevoli, viene descritta al lettore adulto, e purtroppo consapevole, in modo avvincente, che lo spinge a leggere semore più in fretta e si avverte, tre le righe, un'aspettativa che diventa sempre più tragica.

  • Link al commento Fratello sole Venerdì, 16 Marzo 2012 11:30 inviato da Fratello sole

    Molto bello e tanto, tanto triste, delicato pur parlando di una immane tragedia. Una tragedia vista attraverso gli occhi di due bambini. Un libro per bambini? Direi per gli adulti, per tutti gli adulti. Dovremmo ricordarci che il più grave peccato è scandalizzare i bambini? Se solo riuscissimo a non farlo in tutti i sensi, eviteremmo tante brutture nel mondo, a volte proprio inconcepibili. Anche il film mi era molto piaciuto ed intristito.

  • Link al commento Davide1 Lunedì, 20 Febbraio 2012 15:05 inviato da Davide1

    Leggere questo libro significa fare un viaggio oltre i confini più diabolici della mente umana. Il nostro principale compito è prendere per mano –o meglio- farsi prendere per mano da Bruno, cominciare a camminare, fino a ritrovarsi davanti a quel recinto che nessuno avrebbe mai voluto scavalcare oltre il quale ci sono una costruzione di mattoni e un altissimo camino, e aiutarlo prima di tutto a conoscere Samuel, e poi a capire.

    Una scenografia terribile per un’ amicizia meravigliosa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy