Narrativa

Narrativa

Lunedì, 22 Ottobre 2012 00:00

IL MEGLIO DI ME - Nicholas Sparks

Scritto da

 E' un bel romanzo scritto bene lo si legge volentieri fino alla fine, perchè la conclusione non è ovvia. Può essere apprezzato e letto con piacere da chi ama il genere letterario di Nicholas Sparks.

Cia

Lunedì, 22 Aprile 2013 00:00

IL MIO NOME DETTO DA TE - Sabrina Di Francesco

Scritto da

E’ un romanzo molto intenso, con alternanze di buio e luce, vita e morte, immagini che cambiano continuamente attraverso gli occhi di Eloise, la protagonista di questa storia, e il figlio adottivo Marco.

Si pongono in quel preciso punto dell’esistenza in cui il pensiero e l’essere diventano una cosa sola e ‘tutto il possibile diventa reale’. Scritto in una prosa scorrevole, apre sicuramente molte riflessioni sui rapporti genitori-figli in adozione, a volte commoventi, altre avvincenti e altre volte controversi…

L’importanza del ri-conoscersi.

 

Maria Grazia

Divertente, da leggere!!!

Il telemarketing vissuto e raccontato con pungente ironia.

Anna

Giovedì, 10 Aprile 2014 09:28

IL NOME DELLA ROSA - Umberto Eco

Scritto da

‘STAT ROSA PRISTINA NOMINE, NOMINA NUDA TENEMUS ‘

Un giallo storico ambientato in un monastero medioevale. Eco riesce a costruire una trama raffinata che stupisce pagina dopo pagina , con un finale originale e inatteso. Ma soprattutto riesce a rispettare la storia e il suo valore , troppo spesso dimenticato da chi si accinge a scrivere testi del genere:la ricostruzione della vita del monastero è davvero notevole , e certe pagine sembrano essere estratte da veri e propri saggi della materia. Certo a volte descrizioni e digressioni appesantiscono il racconto, ma d’altronde il tema trattato necessita di un certo rigore intellettuale, e a noi lettori non fa che bene leggere ogni tanto qualcosa di più impegnato anche se meno immediato.
Interessante è anche il forte contrasto che si riscontra tra il monastero con i suoi dogmi, preconcetti e superstizioni,e il nuovo mondo che avanza, moderno e assetato di conoscenza e sapienza, rappresentato da Guglielmo di Baskerville (l'inquisitore che risolverà il mistero). Lettura consigliata agli amanti della storia e a chi ha voglia di intraprendere, ogni tanto, una lettura molto impegnativa.

Maria Grazia

Martedì, 14 Febbraio 2012 23:15

IL PESO DELLA FARFALLA - Erri De Luca

Scritto da

Un uomo e un animale.

Un cacciatore e il re dei camosci.

Un confronto cruciale e una farfalla che fa da ago della bilancia.

Il suo peso impalpabile deciderà per sempre.

 

Anna Maria

Venerdì, 26 Aprile 2013 00:00

IL RACCONTO DI NADIA - Amilca Ismael

Scritto da

A fare da sfondo a questo romanzo solo in parte autobiografico è la storia della decolonizzazione africana. Nel tempo di una trasvolata da Lisbona a Milano, Nadia racconta il rapporto con la madre, un mondo arcaico, la tradizione bigama dell’Islam, lo scontro tra civiltà e la distanza tra città e campagna nel Mozambico di trent’anni fa, da poco liberatosi dei portoghesi per gettarsi a capofitto nella guerra civile. Un romanzo che parla di affetti e mondi lontani.

Carlo

 

Venerdì, 26 Aprile 2013 16:57

IL RESPIRO DEL LAGO - Elio Armiraglio

Scritto da

Uno scenario lacustre, elegante. Un uomo maturo e una giovane fanciulla in fiore si ritrovano in una camera di albergo, dove si consuma una fatale attrazione. Un giallo che ha le tinte del romanzo psicologico e la sfumature della dissertazione. Tra speculazioni filosofiche e descrizioni decadentistiche, la soluzione a cui si avvia la storia ha del tragico. Il romanzo di una vita. Un libro totale, si sarebbe detto una volta, dove anche il lago fa la sua parte.

Carlo


Lunedì, 03 Novembre 2014 00:00

IL SENSO DI SMILLA PER LA NEVE - Peter Hoeg

Scritto da

Tutto comincia una gelida sera danese: un bambino viene trovato morto in seguito ad una caduta dal tetto. Sembra un tragico incidente, ma la gelida Smilla, che aveva rotto il ghiaccio dei propri sentimenti solo per il piccolo, non è persuasa. Comincerà un’indagine senza tregua, lasciandosi trascinare dalle proprie intuizioni basate su una profonda conoscenza della neve e dell’animo umano di coloro che vivono a stretto contatto con essa; presto si troverà coinvolta in una situazione molto più grande di lei, che porterà ad un dubbioso disgelo nei suoi sentimenti e a scoperte dal potenziale distruttivo.

Lieve e lento come la neve che cade, questo libro trascina poco a poco il lettore in una landa desolata di strani uomini, abituati più al contatto con i ghiacci che con altri esseri umani.

Ipnotizzante.

Beatrice

Mercoledì, 03 Ottobre 2012 00:00

IL VECCHIO E IL MARE - Ernest Hemingway

Scritto da

Per questo libro non penso ci sia bisogno di commenti.

E’ un classico di Hemingway.

Lo amerà chi vede nel nome non solo la bellezza, il divertimento ma anche i pericoli, immagine della vita stessa.

Cia

Mercoledì, 20 Novembre 2013 10:09

IL VISCONTE DIMEZZATO

Scritto da

Il visconte dimezzato, ovvero l’uomo diviso in due. Un racconto ironico e divertente, nello stile tipico di Calvino, dove bene e male si contrappongono senza riuscire a trovare una sintesi felice che consenta al protagonista della surreale vicenda di sentirsi completo e completamente realizzato. Un tema quello della doppia natura dell’uomo già trattato anche da altri autori seppur con toni diversi e più cupi. Si pensi allo “ Strano caso del dottor Jekyll e di Mister Hide” di Stevenson.

Il giovane visconte Medardo di Terralba parte per la guerra contro i Turchi animato da un grande desiderio di combattere. Ed è proprio durante la sua prima battaglia che viene colpito da una palla di cannone che lo taglia a metà. E’ la metà cattiva quella che sembra essere l’unica a sopravvivere e che, grazie alle prodigiose cure dei medici, riesce a tornare al paese d’origine, dove si produrrà in perfidie gratuite e inaudite, guadagnandosi l’odio di tutti.

Ma ecco che a certo punto fa la sua apparizione la metà buona che si credeva scomparsa. Così buona, da risultare insopportabile tanto quanto quella crudele e spietata. Dopo una serie di surreali e grottesche vicende le due metà vengono rimesse insieme, ma neanche così ricomposto il visconte riuscirà a realizzare pienamente se stesso. Come dire che in qualche modo, alla fine, ci si sente sempre incompleti e comunque vada, è solo una parte di noi quella che riusciamo a realizzare.

M. Giovanna

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy