Mercoledì, 21 Novembre 2012 12:44

LE POESIE - Delio Tessa

 È nato a Milano nel 1886. Dopo gli studi al liceo Beccaria, nel 1911 si laurea in giurisprudenza all'Università di Pavia ed inizia ad esercitare come avvocato e come giudice conciliatore.

La carriera forense però non lo entusiasma; preferisce quindi dedicarsi alla poesia in dialetto milanese, alla letteratura, al teatro e al cinema (scrive anche la sceneggiatura di un film, Vecchia Europa, pubblicata postuma nel 1986).

Antifascista, rimane isolato rispetto alla cultura ufficiale, dedicandosi piuttosto a scrivere per periodici locali, come L'Ambrosiano (gli articoli saranno poi raccolti nel libro postumo Ore di città) o per giornali stranieri come il Corriere del Ticino. Collabora inoltre con la Radio della Svizzera italiana.

Tranne che per la raccolta di poesie pubblicata nel 1932 L'è el dì di mort, alegher! (che passa però inosservata anche per l'ostracismo del fascismo nei confronti dei dialetti), tutte le sue opere sono state pubblicate postume.

Di temperamento schivo e riservato, rimane scapolo dopo una delusione sentimentale.

Muore il 21 settembre 1939 a causa di una setticemia provocata da un ritardato intervento per l'ascesso ad un dente.
Per sua volontà [1] è sepolto in un campo comune del cimitero di Musocco.

Nel 1950 il Comune di Milano trasferisce la tomba di Tessa al Famedio del Cimitero Monumentale accanto ad Alessandro Manzoni, e, successivamente, gli intitola una via.

Oggi Delio Tessa è considerato uno tra i grandi poeti dialettali del Novecento.

Pubblicato in Poesia

Su questo sito vengono utilizzati i cookies per raccogliere statistiche e gestire la navigazione. La nostra policy